WHAAM! (per completare la mia prima volta)

Viaggi 2.412 Commenti »

 

I PRESSED THE FIRE CONTROL… AND AHEAD OF ME ROCKETS BLAZED THROUGH THE SKY…

Whaam!!!!

Eccola l’immagine, una per tutte, prorompente!!!

Sopra un’opera di Roy Lichtenstein del 1963, WHAAM!  La si può ammirare alla Tate Modern naturalmente.

 

 Tate

la Tate (ex-Bankside Power Station) vista dal Millennium Bridge. 

 

 turbine hall

ex-Turbine Hall, immenso atrio della Tate.

P.S. : da casa con calma ce l’ho fatta, le immagini e pure un po’ d’ordine…    :-)

 

A PROPOSITO DI CENTRALI ELETTRICHE A LONDRA…

Battersea-power-station-006

Questa è un’altra storia.

La Battersea Power Station (progettata dallo stesso architetto della Bankside)  è situata sempre lungo il Tamigi  non molto distante dalla Bankside ( in linea d’aria circa 5 km.) Anch’essa dismessa (chiusa nel 1983) e non visitabile almeno per il momento, nonostante sia, nel suo genere, l’edificio in mattoni rossi più grande d’Europa, notevole per le sue decorazioni interne Art Déco. La inserisco come curiosità, l’idea me l’ha data un collega che avendo letto su “la mia prima volta” della Bankside Power Station  mi ha raccontato di quando per caso vide invece la Battersea dalla finestra della sua camera d’albergo durante un viaggio a Londra qualche anno fa… 

Immagino che pure a qualcuno di voi (magari un po’ più esperto di musica Pop Rock ecc. ecc.) questa foto ricordi qualcosa… certamente, è proprio lei, quella immortalata sulla copertina del CD dei Pink Floyd “Animals” (1977)!  Ma non è tutto,  appare pure nel film dei Beatles” Help!” (1965)  e recentemente è ricomparsa nel video del brano musicale dei Take That  “The Flood” (2010).

la mia prima volta…

Argomenti vari, Viaggi 1.575 Commenti »
 

P.S. : avrei voluto inserire una foto a completamento di questa “prima volta” ma il PC è lentissimo non risponde quando clicco su “aggiungi immagine”, o forse ho bisogno di altre spiegazioni   :-(   Ci riprovo un’altra volta, per oggi mi accontento così. Ciao a tutti!   

Buongiorno a tutti, eccomi finalmente a scrivere qualcosa di mio, giusto per inaugurare il neonato DI TUTTO DI PIU’.
Non mi dilungherò a commentare l’oscuramento del vecchio FORUM, dico solo che SONO ANCORA INCREDULA, oltre che ARRABBIATA e MOLTO DELUSA (come del resto tutti voi) e che sono comunque felice della reazione scaturita da questo gesto vergognoso!
Bene, torniamo alla mia prima volta…  qualcosa di “soft”, niente politica, niente polemiche, un ricordo del mio recente viaggio a Londra di un luogo che mi è rimasto nel cuore.  Ci provo grazie a Francesco che con infinita pazienza mi ha spiegato passo passo come fare, come si fa con i bambini…
 
la mia prima volta alla TATE MODERN - istruzioni per l’uso
 
dopo i viaggi a Londra effettuati sempre durante le vacanze natalizie di questi ultimi 3 anni, ho finalmente convinto (o forse costretto…?) la mia famiglia a seguirmi alla Tate Modern, la scusa ufficiale è state vedere la mostra (temporanea) di Gauguin, mentre le mie intenzioni andavano oltre… in effetti la Tate l’abbiamo girata un po’ tutta da cima a fondo, dal piano terra fino al settimo, e devo dire che al di là delle opere che accoglie, se ne può discutere, possono piacere o no, si possono capire o meno… ho trovato il luogo straordinariamente ricco di arte e cultura e molto molto diverso da altri musei o gallerie tradizionali viste finora (che non sono poche) in quanto dinamico, accogliente e informale.
La Tate Modern sorge imponente lungo il Tamigi, collegata alla sponda opposta dal Millennium Bridge, proprio di fronte a St Paul’s Cathedral. La galleria occupa tutta la costruzione della Bankside Power Station, la vecchia centrale termoelettrica di Londra inaugurata nel 2000 dopo la riconversione a spazio museale. Conserva ancora il camino centrale - alto 99 metri, la Turbine Hall - ex sala delle turbine in cui è stato ricavato l’impressionante atrio d’ingresso, e i 5 piani serviti da scale mobili ed ascensori su cui si articola ora l’esposizione. L’ingresso è gratuito per visitare la permanente, a pagamento per le mostre temporanee.
 Girare per quelle sale mette a proprio agio, mi sono sentita quasi a casa, nonostante fossi circondata da opere (collezione permanente) di tutti i grandi degli ultimi 100 anni. Per citarne qualcuno più famoso: Picasso, Matisse, poi l’arte surrealista di Dalì e Magritte, e Pollock e Rothko per l’espressionismo astratto, poi la Pop Art tra le cui opere quelle di Andy Warhol, e poi, e poi… tanto altro ancora!

Per chi vuole approfondire o vuole un aiuto per… guardare meglio   8-)     sono disponibili speciali audioguide per adulti e per bambini che spiegano molte opere con il contributo di artisti e critici. Inoltre, volendo, l’intera collezione della galleria è catalogata on-line, e c’è anche uno speciale tour multimediale disponibile sul sito web della Tate Modern che permette di visualizzare il luogo in anteprima per intero prima di andarci.

Sono convinta che anche chi non si intende di arte moderna o non  ne è particolarmente interessato, data la grande quantità di opererande in mostra, anche se non sentirà l’esigenza di vedere ogni singolo pezzo,  potrà comunque liberamente girovagare e vedere solo quello che cattura il proprio occhio. È probabile imbattersi in qualcosa di interessante per lo meno, e forse troverete qualcosa che vi lascerà a pensare di aver visto una creazione davvero notevole…    

Ciliegina sulla torta è il settimo ed ultimo piano, dove si trova il ristorante che vi consiglio vivamente,  anche solo per mangiare un boccone veloce. Impossibile perdersi la vista mozzafiato sul Tamigi, la Cattedrale di Saint Paul e la City che si gode dalle grandi vetrate (in estate si esce anche in terrazza). Proprio una meraviglia, i prezzi non sono esagerati e non si mangia poi nemmeno male!  :-)

 
Beh, mi auguro che queste mie poche righe abbiano suscitato almeno un pochino di curiosità e voglia in chi di voi non ci sia già stato di recarsi alla Tate Modern, la prossima volta che andrà a Londra…   ;-)

WordPress Theme & Icons by N.Design Studio. WPMU Theme pack by WPMU-DEV.
Entries RSS Comments RSS Accedi